• VIGANO' DOTT. RAFFAELLO DENTALINE
  • VIGANO' DOTT. RAFFAELLO DENTALINE
  • VIGANO' DOTT. RAFFAELLO DENTALINE

Implantologia

implantologia

L’implantologia ha avuto un grosso sviluppo negli ultimi 10 anni, grazie all’utilizzo di impianti osteo-integrati, che costituisce una tecnica brillantissima atta a risolvere, senza rischi, anche situazioni ritenute disperate.

A cosa serve?

Perdere uno o più denti rappresenta un dramma, in quanto causa problemi sia estetici che funzionali:

• I denti vicini a quelli mancanti tendono a spostarsi per riempire lo spazio lasciato vuoto e, di conseguenza, le arcate dentarie non si chiudono più in modo corretto.

• A causa del sopracitato spostamento dei denti può provocare maggiori difficoltà nella pulizia, facilitando l’insorgere di carie e gangiviti.

• La mancanza dei denti e i conseguenti disturbi da essa provocati sulla muscolatura, sulle ossa e sulle articolazioni provocano maggiori difficoltà di masticazione.

Protesi fissa/mobile

La protesi dentale è un sostituto artificiale dei denti naturali. Viene applicata in caso di edentulia parziale o totale, o per correggere difetti estetici di forma, posizione e colore dei denti, o, in alcuni casi, per riabilitare un’occlusione che presenti disfunzioni o patologie.

 

La funzione principale di una protesi è di permettere il ripristino morfo-funzionale dell’apparato stomatognatico le cui funzionni sono:

• Masticazione

• Deglutizione

• Fonazione

Eventuali modificazioni, come ad esempio la perdita di dimensione verticale, possono determinare l’insorgenza di patologie a carico dell’articolazione temporo-mandibolare, l’insorgenza di cefalee dolori cervicali, dolori lombari.

La funzione masticatoria può essere ripristinata in vari modi:

Protesi fisse tradizionali (ancorata ai propri elementi dentali) o su impianti osteointegrati

 

Ponti di più elementi o corone singole che vengono cementati ai denti e non sono più rimovibili dal paziente. Si può distinguere tra:

  • protesi in metallo ceramica;
  • protesi in ceramica senza metallo («metal free»).

Entrambe queste tipologie di protesi fisse possono essere applicate su denti naturali o su impianti.

Protesi mobili (rimovibili)

Quelle che il paziente può, e deve, rimuovere dalla bocca per la pulizia Si può distinguere tra:

  • protesi parziale in resina;
  • protesi totale in resina;
  • protesi scheletrata.

Protesi mista (amoinamovibile), in parte fissa e in parte mobile

Composta in parte da protesi fissa e in parte da protesi mobile, strettamente collegate tra loro, con sistemi di attacchi di precisione.

 

La base di partenza per un buon successo protesico, come del resto in tutta l’odontoiatria, è l’alleanza terapeutica paziente – odontoiatra.

Prima di iniziare qualsiasi iter protesico è necessario:

  • L’esame clinico: il tipo di protesi che si dovrà realizzare è una decisione che va presa esaminando innanzitutto l’aspetto del paziente.
  • L’esame extra-orale: si prendono in considerazione l’aspetto, il sorriso, le pieghe presenti sul viso del paziente, la fonesi, la presenza di abitudini viziate.
  • Analizzare la forma del viso: è molto importante perchè è uno degli elementi fondamentali di valutazione che determina la scelta della forma degli elementi dentari protesici, c’è una stretta relazione tra forma del viso e degli elementi dentari.
  • Analizzare il sorriso: la visibilità dei denti, la visibilità dei tessuti molli, in quanto sorridiamo ciascuno in modo diverso ed esponiamo i denti o i tessuti molli in modo diverso.

 

Copyright ©VIGANO' DOTT. RAFFAELLO DENTALINE
VIGANO' DOTT. RAFFAELLO DENTALINE | 15, Via Avegno - 21100 Varese (VA) - Italia | P.I. 10358340155 | Tel. +39 0332 241657   - Cell. +39 338 2223793 | Fax. +39 0332 241657 | viganoraffaello@tin.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy